Lettori fissi

domenica 29 gennaio 2012

Chiacchiere di Carnevale

Ingredienti:
500 g farina antigrumi Molino Chiavazza


50 g zucchero 
1 bustina di vanillina
scorza di 1 limone
3 uova
50g di burro Inalpi
un pizzico di sale Gemma di Mare
1/2 bicchiere di vino bianco o spumante

zucchero a velo
olio  di arachidi o d’oliva per friggere




Procedimento
Setacciate la farina assieme al lievito e disponete il tutto su di una spianatoia nella classica forma a fontana; ponete al centro il burro, lo zucchero, la vanillina, le uova, mezzo bicchiere di spumante o vino bianco e un pizzico di sale. Lavorate bene gli ingredienti fino a formare un impasto liscio ed elastico, al quale darete la forma di una palla e lo lascerete cosi riposare avvolto nella pellicola trasparente in luogo fresco per almeno 30 minuti. 
Spianate poi la pasta con un mattarello in modo da ottenere una sfoglia dallo spessore di 2 mm. Se invece utilizzate la macchinetta, procedete in questo modo: dividete la pasta in 4 panetti, schiacciateli, inseriteli nella macchinetta con i rulli completamente divaricati; se la sfoglia che fuoriesce tende a lacerarsi, infarinatela, ripiegatela su se stessa e spianatela nuovamente, procedendo dallo spessore più ampio dei rulli a quello intermedio ed infine più stretto. Fate cosi per 3 o 4 volte fino ad ottenere una sfoglia liscia e compatta  e poi, con una rotellina a taglio smerlato, ricavatene delle strisce di 5 cm per 10 cm (o della misura che volete), e praticate su ognuna di esse due tagli centrali, obliqui e paralleli tra di loro. Passate gli angoli della striscia ognuno all'interno di uno dei due tagli creati.
Ponete le strisce cosi ottenute in abbondante olio ben caldo ma non bollente, girandole su ambo i lati e stando attenti a non bruciarle; appena diventeranno dorate, toglietele dall’olio e ponetele a sgocciolare su della carta assorbente. Quando diventeranno fredde ponetele su di un piatto da portata e cospargetele di zucchero al velo vanigliato.
NB: Esistono diverse varianti alla ricetta delle chiacchiere, come ad esempio la sostituzione dello spumante con altri liquori quali il rum, il marsala, il brandy, ecc... Vengono poi date forme diverse a questi dolci, come per esempio la romboidale, la quadrata, la rettangolare, ma anche la striscia annodata, o altre forme particolari; in più bisogna ricordare che si usa cospargere questi dolci con dello zucchero al velo oppure con dello zucchero semolato. 

8 commenti:

  1. Buonissimi,uno tira l'altro!Proverò la tua ricetta!Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buoni davvero,ma soprattutto molto leggere! Non si sente affatto la frittura..una goduria!!! :)))) Ciaooo

      Elimina
  2. che buone quando arriva questo periodo di carnevale ne mangerei quintali !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si...ottime!!! ho visto che hai un blog di torte di pasta da zucchero...bello!!!sono una tua nuova sostenitrice...vorrei provare anch'io a lavorare la pasta sa zucchero ma non so bene da cosa iniziare...sto guardando qualche sito,video e ho comprato un paio di riviste...hai qualche dritta da darmi?

      Elimina
  3. Ciao piacere di conoscerti..ti và di aggiungere questa ricetta anche al nostro contest?daii ti aspettiamo!!ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo...piacere mio!per il contest va benissimo...dimmi tutto!

      Elimina